Hara

Studio Hara

"Se apriamo le mani, possiamo ricevere ogni cosa.                                                                                Se siamo vuoti, possiamo contenere l'universo".

Home
Hara
Studio Hara
Shiatsu
Shiatsu
Digito pressione
Reiki
reiki
Energia Universale
Anma

Massaggio
Cervicale-Dorsale
Lombare-Sacrale 
Ampuku-Hara

Massaggio addome
Moxibustione

Terapia del calore
Zen

Filosofia e Pratica
Massaggio

...Hara, il centro vitale dell'uomo...

MASSAGGIO ZEN

1.  L’EQUILIBRIO INTERIORE 

La via dello zen è il risveglio della nostra vera natura, quando condizionamenti e attaccamenti svaniscono. Così riusciamo a vivere di una spontaneità originaria e dissolviamo quelle barriere che creano stress, ansie, irrequietezza e preoccupazioni.
Il nostro corpo-mente-spirito ritorna in armonia ed in equilibrio con le energie naturali.

Il massaggio zen è una tecnica rilassante di origine giapponese con lo scopo di creare quell'equilibrio interiore che ci permette di vivere meglio.
I vantaggi sono molteplici, maggior energia, minor stanchezza dovuta allo stress, migliore funzione intestinale, un sonno più rilassato.

Nella prima parte del trattamento, l'operatore farà in modo di equilibrare la propria energia e l'energia del ricevente focalizzandosi su HARA, la zona della pancia dove, secondo la filosofia orientale, nasce l'energia vitale.

Nel corpo esistono 3 cancelli che regolano il flusso energetico, chiamati: Tanden in giapponese .
I 3 centri energetici si trovano a livello fisico, nella zona cervicale o cancello superiore, nella zona toracica o cancello mediano, nella zona pelvica o cancello inferiore .


Come per lo shiatsu, il massaggio zen viene praticato per terra su un materassino con l'imbottitura in cotone chiamato futon.

Il trattamento è costituito da un rilassamento iniziale, quindi da uno stiramento delle parti interessate che viene effettuato dall'operatore, e da pressioni leggere fatte col palmo delle mani con lo scopo di equilibrare energeticamente le parti stesse.

2.   I 3 CANCELLI

I tre cancelli energetici, o le tre porte, regolano il flusso dell'energia vitale o KI, sia in direzione ascendente, energia YIN, che in direzione discente, energia YANG.


Dopo un breve rilassamento si esegue l'apertura delle tre porte.

La prima apertura si esegue sul TANDEN INFERIORE, che corrisponde al diaframma pelvico. Questa zona è relativa all'energia della crescita.
Corrisponde ad organi interni e viscerali, quali: l'intestino tenue, l'intestino crasso, la vescica, i reni, il fegato, la milza, il pancreas.
La mano destra si trova sopra l'addome mentre la mano sinistra è sull'osso sacro.
Dopo qualche minuto le mani iniziano a scaldarsi. Viene equilibrata tutta la circolazione energetica relativa a quell'area, compreso l'apparato urogenitale, e si rivela efficace anche per quanto riguarda arti inferiori, gambe gonfie e pesanti eccetera.

Si prosegue aprendo il TANDEN MEDIANO che corrisponde al diaframma toracico ed all'energia dell'azione.
Si appoggia la mano destra fra lo sterno e il cuore, all'altezza della ghiandola del Timo, mentre la mano sinistra viene posta sotto l'attaccatura del collo nella parte posteriore.
Questo sblocco energetico è molto importante per quanto riguarda la respirazione, che diventa più profonda e addominale.
E' utile ai polmoni ed alla pelle ed aiuta a rinforzare le difese immunitarie.  
                                         

Il TANDEN SUPERIORE si trova all'altezza del collo. Questo cancello, se bloccato, è responsabile di un eccesso di energia mentale e di irrigidimento; nella nostra società questo è un problema molto diffuso.
E' la porta verso la spiritualità e l'autorealizzazione. E' l'energia della Saggezza.
La mano sinistra viene posta sotto il collo, col palmo verso l'alto e la mano destra viene appoggiata sulla fronte.
Questa è la fonte dell'energia suprema, dell'autotrasformazione, della lucidità mentale, della buona memoria, dell'intuizione, della realizzazione del Sè.

L'Operatore una volta concluso la terapia si stacca con le mani dalla persona trattata, avvisandola.
Per concludere la seduta
qualche minuto in rilassamento, l'Operatore prenderà la vostra mano destra, quindi la terrà ancora per qualche minuto ad assaporare l'esperienza ricevuta.

 
3. ARMONIZZAZIONE DI HARA

 Hara è la zona dell'addome che si trova sotto l'ombelico ed è il centro dell'energia vitale.                                               
È attraverso l'ombelico, infatti, che il feto riceve il nutrimento e cresce nel ventre della madre e proprio attraverso l'ombelico riceve i primi messaggi dal mondo esterno.

Due dita sotto di esso si trova un punto chiamato Kikai che, tradotto dal giapponese, significa "oceano dell'energia",             Ki = energia, Kai = oceano.

Attraverso Hara si entra in contatto con la vera essenza dell'essere, con le proprie emozioni, i blocchi o i desideri.   Secondo gli orientali nella zona di Hara è come registrata tutta la nostra vita.
Per armonizzare la zona di Hara l'operatore si siede in ginocchio di fronte alla persona da trattare, sdraiata a terra sul futon in posizione supina. Il paziente si trova alla destra dell'operatore. L'operatore prende la mano destra della persona ricevente e la appoggia sulle sue ginocchia, l'operatore appoggia il pollice sul polso del paziente.


La mano destra dell'operatore sfiora leggermente l'addome tenendo le punte delle  dita in direzione della testa del ricevente. Ascoltiamone il respiro che, via via, si farà calmo e profondo. Quando l'operatore percepisce che il ricevente è fiducioso e rilassato il contatto della  mano sull'addome sarà più presente che non inizialmente.
A questo punto si inizia la vera e propria armonizzazione.  Con la mano destra su hara l'operatore inizia un movimento circolare in senso orario. Il centro di questi movimenti circolari sarà il punto kikai.
Viene usato tutto il palmo della mano in questo movimento lento, dolce ed armonioso; ad un certo punto sarà come percepire che il nostro hara (addome) si stia armonizzando con hara dell'operatore, e viceversa.
Si continua lentamente, finché l'operatore sentirà e sentiremo che dal Kikai (energia dell'oceano) emergere  calore che si farà sempre più intenso e si espanderà, segno che la zona si sta armonizzando e i blocchi si stanno sciogliendo.                    

Percepiamo noi stessi non più come un corpo ma come energia.
L'operatore continua ad eseguire  questi tocchi fino a quando percepisce che siamo al livello di massima apertura, quindi rallenta nuovamente il ritmo. Questo movimento può durare circa un quarto d'ora, ma dipende anche dal caso e dalla personache l'operatore stà trattando. E' indispensabile che il ricevente abbia fiducia nell'Operatore per lo svolgersi al meglio dell'attivazione di Hara.

Terminato il contatto, la persona ricevente può riposare altri 10 minuti circa o, comunque, il tempo che ritiene necessario, eventualmente con una coperta in quanto il rilassamento e poi il distacco dell'operatore potrebbe dare una leggera sensazione di freddo.

Quando il ricevente si sente pronto, apre gli occhi ed infine si alza dal futon.


ZEN, FILSOFIA E ARTE:
ZAZEN:
COSTRUIRE UNO ZAFU:
MASSAGGIO ZEN:

Per contattarmi: Lo Studio Hara si trova ad Abbiategrasso zona sud-ovest di Milano  tel. 348-77.56.775 Massimo

ContattamiLink utiliFAQ domande frequenti

Le attività dello Studio Hara si rivolgono esclusivamente ai suoi riceventi e  non sono paragonabili  ad attività praticate in altri studi.
Lo Studio Hara non  si assume alcuna responsabilità per le attività svolte  da altri operatori.

 Le terapie eseguite nello Studio Hara si rivolgono a persone fisicamente ed emotivamente sane, mature, autonome ed indipendenti che ricercano il senso profondo della propria vita e anelano ad una profonda interazione con gli altri esseri umani e con la natura in tutte le sue manifestazioni. Il termine "Guarigione", ove utilizzato, va inteso come sinonimo di Felicità, Compimento, Amore,Illuminazione.